Home / Viaggi / Le ville di lusso che nessuno vuole

Le ville di lusso che nessuno vuole

neverland22

In giro per il mondo, ci sono ville di lusso straordinarie che, però, nessuno vuole: edifici fantastici, castelli che fanno sognare ancora più di quanto riescano a fare le favole, che tuttavia sono in vendita da tempo e non trovano acquirenti. Il mercato immobiliare di tutto il pianeta è ricco di queste stranezze: e il motivo per cui nessuno si fa avanti per comprare queste ville è quasi impossibile da credere. Nella maggior parte dei casi, queste dimore sono di proprietà di stelle hollywoodiane, di volti celebri e conosciuti dello star system, di personaggi conosciuti in ogni angolo del globo, di imprenditori con un numero spropositato di zeri sul conto in banca, di magnati che possiedono società nei posti più sperduti o di ereditieri che si godono la vita grazie alle ricchezze accumulate in passato dai genitori.

E allora perché queste ville non trovano acquirenti? Si tratta, in sostanza, di un problema di costi: non tanto il prezzo necessario per l’acquisto, ma soprattutto le spese per la manutenzione. Com’è facile immaginare, delle magioni così maestose richiedono un impegno non indifferente per la loro cura: non si può certo pensare di comprare una villa con giardino grande quanto un quartiere di una città e aspettarsi che si pulisca e si mantenga in ordine da sola. Insomma, tra giardinieri, donne delle pulizie, cuochi, idraulici, imbianchini e così via, chi possiede un edificio di questo tipo è quasi costretto, suo malgrado, ad assumere un team di lavoratori che finisce per pesare in modo significativo sui costi finali. VEDIAMO QUALCHE ESEMPIO DA PAGINA 2 >

Pagina 1 di 5

About Virginia Rossi

Virginia Rossi
Scrivere, scrivere e ancora scrivere, questo è quello che riempie le mie giornate. Ho iniziato con il mio diario (lo hanno fatto tutte!!) poi sono passata al mio blog personale che per alcuni anni è stato molto visitato, in seguito ho deciso di entrare a far parte del gruppo letalpe.net Mi piace viaggiare e poter parlare e raccontare dei miei viaggi con articoli cotti a pennello.